Chi siamo

venerdì 10 maggio 2019 - News Generiche

LA PALLAVOLO BORMIESE SI PRESENTA - La pallavolo in Alta Valle prende avvio alla metà degli anni '70 grazie alla buona volontà di un ristretto gruppo di persone, alcune delle quali tuttora operanti nel settore. Dopo le primissime forme di attività legate soprattutto a categorie già adulte, e con la nascita nel 1978 dell'Unione Sportiva Bormiese, è stato intrapreso un percorso condiviso con tutte le polisportive locali e che pian piano ha portato alla composizione di alcune squadre giovanili, dapprima in numero assai limitato e poi in un crescendo che via via ha permesso al settore Pallavolo di diventare, attualmente, il primo in assoluto fra tutti i settori USB per numero di tesserati minorenni. Negli ultimi anni la media delle formazioni targate USB che hanno partecipato ai vari campionati di categoria è di circa 15 squadre, il che significa portare ogni settimana sui campi di pallavolo decine e decine di giocatori, senza contare il numero dei collaboratori che vengono coinvolti nelle partite casalinghe tra arbitri, refertisti e accompagnatori. Un microcosmo di persone che “lavorano” perlopiù gratuitamente tutto l’anno, perché esaurita la fase dei campionati stagionali si resta ancora in campo per dar vita ai beach volley estivi, con i tornei organizzati in collaborazione con i vari gruppi sportivi locali (Rio Scianno, Amici dello Sport, Polisportiva Valfurva). L'US Bormiese vanta, poi, un settore maschile ancora vitale, che viene curato e seguito con grande attenzione nonostante le enormi difficoltà che da anni ormai emergono a livello provinciale. A tutto ciò si aggiunga l’attività espletata con i giovanissimi attraverso la Scuola di Pallavolo e i minivolley, che coinvolge un altro centinaio di bambini e che rappresenta la fucina principale grazie al quale si alimenta tutto il settore: infatti, poter entrare nelle scuole a fornire – sotto forma di gioco e divertimento – i primi rudimenti della pallavolo consente ai bambini di approcciarsi con più facilità a questo sport e di indirizzarli verso una scelta sportiva che possa includere – accanto a sport più blasonati – anche la pallavolo.
Negli ultimi anni si è pensato di lavorare in modo più attento sull’aspetto tecnico: sono nate così collaborazioni durature con tecnici qualificati di altre società tra cui Matteo Lucarelli, che è rimasto a Bormio per 3 anni. Contando anche sul suo appoggio e sulla sua esperienza il settore Pallavolo ha deciso nel 2016 di proporre la propria candidatura ad ospitare una finale nazionale giovanile, che si è tradotta nell’assegnazione delle finali maschili di under 17. L’esperimento è stato molto positivo e nel giro di 3 anni a Bormio si sono svolte altrettante edizioni delle Finali Nazionali: U19 maschile (2017), U18 femminile (2018) e quella attuale. E' importante per un paese turistico come il nostro farci conoscere anche attraverso queste manifestazioni e auguriamo a tutti gli ospiti un soggiorno gradevole, 
Nella stagione 2018/2019 il settore Pallavolo dell’US Bormiese ha “macinato” questi numeri:
209 tesserati, dei quali 155 sono al di sotto dei 16 anni; 10 squadre femminile 4 maschili che hanno partecipato ai campionati provinciali Fipav; 1 formazione di serie D regionale; 2 partecipazioni a tornei PGS; 1 torneo a Lecco; 220 partite giocate sino a oggi. Sono in atto collaborazioni con la Pro Patria Volley di Milano, è stato istituito il premio “Peppino Pedranzini” per studenti-pallavolisti meritevoli ed è attiva una Scuola di Pallavolo nei Circoli Didattici dell’Alta Valle. Per il biennio 2017-2019 abbiamo ottenuto il Marchio di Qualità Argento nel settore giovanile maschile e femminile.

Anna Lanfranchi
Redazione US Bormiese
©riproduzione riservata

« Torna all'archivio